Come rovinare un bel film… L’Uci cinemas, il più grosso multisala di Piacenza, ce la mette sempre tutta, soliti 10-15 minuti di pubblicità
prima dell’inizio, sala calda… non nel senso “buono” del termine ma nel senso della temperatura dell’ambiente, sembrava d’essere
il 20 agosto nella sala di attesa di un ufficio pubblico. Finiti i trailers inizia il film: tutto è sfocato ed il bilanciamento dei
colori è inguardabile… all’inizio sei sicuro che “è un effetto dato dal regista” poi col procedere del film pensi “non può che essere l’effetto dato dal regista”
dopo venti minuti di mal di mare e perdite di fuoco, al cambio della bobina con realativo salto del filmato pensi: “quel coglione dell’operatore è ubriaco”.

Il logo è ben definito al contrario delle immagini nelle loro sale...

Happy familiy è veramente un bel film con un ottimo ritmo, una trama che anche se non originale ti tiene lì, ottima Margherita Bui, nel suo classico ruolo di Donna in crisi ottimo De Luigi che recita “De Luigi” ed ottimo Abatantuono che fa sempre “Abatantuono”… E’ ambientata a Milano, per chi odia Milano come il sotto scritto, è qualcosa di strano: “come puoi ambientare  un film a Milano?”. Poi ti vengono in mente i film di Pozzetto… e  vedi le bellissime scene ed ambientazioni di Happy Family e ti convinci che Milano è meno brutta di come la vivi tu, pendolare consumato… per poi rinsavire il giorno dopo, in stazione a Rogoredo.

Conclusioni:

Commedia romantica ben riuscita… Uci cinemas bocciato senza pietà.

Annunci